mercoledì 26 marzo 2008

Carla la hostess













Ma come diavolo si è conciata questa?!
Camilla è vestita meglio. Carla sembra una hostess d'aereo degli anni Trenta (copyright Elisabetta in un afoso pomeriggio in ufficio)

5 commenti:

Le ha detto...

Infatti. Noi tutte CONFIDIAMO, aspettiamo con fiducia, speriamo nella perfidia fotografica del Mail di domani.

cuiscarpettdaverniis ha detto...

quoto dal corriere.it:

Carla in stile Jackie oscura Nicholas
Impeccabile nel suo abito grigio in stile Jacqueline Kennedy (a sinistra, foto da Internet) , cintura in vita, ballerine rasoterra, guanti neri e minuscolo berretto in tinta, Carla Bruni (a destra, foto Olympia) è sbarcata a Londra a fianco del marito, il presidente francese Nicolas Sarkozy. Lo sguardo felino e la grazia inconfondibile di chi per anni ha calcato le passerelle hanno fatto il resto: la top model di origini italiane ha rubato la scena al marito.


tot modistae, tot sententiae.

filoderba ha detto...

sguardo felino... a me pare una lucertola. e chi ci casca?? jackie é jackie, la carla posa nuda. c'é chi sa vestirsi e chi sa stare nuda. i ruoli devoo stare ben distinti.

il ne faut pas tout mélanger!

oh!

LM10 ha detto...

Forse un commento maschile può essere utile. Io la trovo di una bellezza classica. Quindi per una volta sto col Corriere.

La newyorkese ha detto...

Guardo nel mio album idoli e toh, cosa ti ritrovo. Una hostess con cappellino anni '30. A ben guardare sembrava Audrey Hepburn, con un bel cappellino bianco di Dior in capo, elegante come mai. Era "Sciarada", stupendo. Vabbé. Sfoglio ancora, e toh, guarda, un'altra hostess!Scende persino da un aereo, è a Dallas, Texas, al braccio di John Kennedy e indossa un cappellino da hostess rosa. Peccato, sembrava tanto Jackie, ma avrò sbagliato. Per fortuna che c'è la ficcanaso, a commentare capi di vestiario bellissimi - a prescindere da chi li porta - a costo di distruggere miti universali: si vede che lei ne sa più di loro...Carla non è forse a quel livello, però sì, è di un'eleganza unica. Che certo chi si sposa in versace di viola vestita (Cécilia) non raggiungerà mai.